sabato 21 febbraio 09 ore 21                                              

Ora X: Inferno di Dante
di e con  Matteo Belli

testi poetici: Dante Alighieri dialoghi: Matteo Belli

Un percorso attraversando alcuni dei luoghi della prima cantica della “Commedia”di Dante, con il piacere e l’emozione per una sfida personale non più rimandabile nel tentare di portare ai sensi dell’orecchio e dell’occhio moderno i versi classici tra i più alti dell’intera storia letteraria italiana. La dizione a memoria, nel rispetto per l’integrità e la musica della terzina in endecasillabi, il palcoscenico come impegnativo ma eccitante “gioco” teatrale in cui, sia chi dice sia chi ascolta, accetta di vivere una trasformazione profonda che dalla lettura della pagina lo trasporti sulla scena dell’evento agito, interpretato, quindi rivissuto.


Dante come poeta della rappresentazione, summa compiuta di un universo culturale concluso ma anche sempre vivo e sensibile ai tentativi di restituzione realistica e “materica” di un’umanità eternata nelle proprie forme: in questa chiave di lettura del verso dantesco vengono interpretate le vicende dell'ingresso nella selva oscura, l'incontro con Virgilio, il dramma d'amore di Paolo e Francesca, la struggente malinconia nel suicidio di Pier della Vigna, il supplizio diabolico ai danni di un barattiere, il “ folle volo” di Ulisse, la macabra fine del Conte Ugolino.